/

Leonessa  7 Aprile 1944 - 7 aprile 2017

 

'In ogni epoca bisogna tentare di 

strappare nuovamente la trasmissione

 del passato al conformismo

 che è sul punto di soggiogarla..."
 

L'Eccidio di Leonessa I  Caduti     Mo' Revengo: Le foto La Memoria Don Concezio Chiaretti Leonessa

 

 

Mo' Revengo

Sbocciavanu li gij a Vallulina

paura pe' le casi 'lla mattina

girava pe' le stradi la Rusina

co' li tedeschi armeno 'na decina.

 

Fijoma a lettu a piagne pe' la fame

mojoma Martina a fa' lo pane

venerdì Santu,mute le campane

io zittu da 'na parte ad aspettane.

 

Quanno a un trattu e già me lo sintìa

quarcunu bussa jò la porta mia

fijoma ancora piagne,core mia

avoja a piagne senza papà tia.

 

Mojoma,tutta sporca de farina

me se reguarda senza fa 'na mossa

"mo chi sarà cuscì de bon matina"

Martì-je dico véssa è Rusina.

 

Mò revengo Martì,tu fa lo pà

Mò revengo Martì,non t'appaurà

Mò revengo non je so fattu cosa

Mò revengo damme un bacittu a Lisa.

 

Pò ce portaru la pè le Fossatelle

lu mitra già puntatu là le spalli

po' ce spararu senza batte ciju

era fioritu pure lu spruviju.

 

Me revidi cò un lampu tutta casa

viddi mojoma e Lisa su la porta

soroma parimu e mamma morta

viddi Leonessa pe l'urdima vorda.

 

No' revengo Marì,non m'aspettà

No' revengo Marì,non t'accorà

Nò revengo,ma ha da fà 'na cosa:

"Insegna ad amà la gente

                               pure a Lisa"

 

Alberto Rauco  

b

 

  l   Rassegna stampa  l   Contatti   l   Le Foibe   l   25 Aprile   l    Home

 2017  www.leonessa.org